martedì 12 febbraio 2013

Una nuova puntata del diario di bordo



Il set è un luogo di incertezze e sorprese. Soddisfazioni e tensioni camminano di pari passo in un ambiente dove, a volte, sconosciuti si ritrovano a lavorare insieme per la prima volta con la speranza di dar vita a un risultato straordinario. Eppure, il feeling che si deve creare tra i membri di una troupe non è dei più scontati perché insieme alla stima e al rispetto, spesso tra le mura di una scenografia aleggia l’invidia. Ovviamente negli spazi interni e stretti il contatto è maggiore e di conseguenza aumenta anche l’attrito.
Mentre mi muovo nella nuova location, le dinamiche sono chiare. Il set è quello dello studio fotografico/abitazione del personaggio di Sasà Striano, magistralmente ricavato dalla scenografa Maica Rotondo che con la sua squadra, l’aiuto Beppe Carbone, l’assistente Mario Schiano e l’onnipresente attrezzista Alessandro Marangolo, ha creato le tre stanze più il bagno di scena da alcuni locali della vecchia Anagrafe, il maestoso palazzo che affaccia su Piazza Dante. Per rendersi conto dell’immane lavoro che è stato necessario basta farsi un giro per i corridoi e le altre stanze, per lo più fredde e spoglie, consumate dal tempo e dalla muffa.




Lo spazio utilizzato per riprese e troupe è circoscritto ad una parte del primo piano. Ma il via vai è incessante. Spesso ci si pestano i piedi mentre si spostano attrezzi di scena o i binari del carello che Guido Lombardi sta usando a tutto spiano o la bicicletta che lo sportivo Carmine Paternoster utilizza ogni giorno per andare sul set. Noi che registriamo il dietro le quinte siamo quelli guardati con maggior astio. Infatti, quando il set è piccolo, il numero di persone che assistono alla scena è ridotto e questo costringe chi non è indispensabile a stare fuori la porta. In questo modo, però, si assiste ad una situazione che è quasi soltanto cinematografica. Infatti, una volta che Guido chiama “motore”, sul posto cala il silenzio più assoluto. Anche se si è nel pieno di un rimprovero o un litigio, tutti si immobilizzano in attesa che venga dato lo stop alle riprese. Solo in quel momento gli animi si infuocano di nuovo, per lo più quelli di produzione con le loro radioline sempre accese e gracchianti. E non è nemmeno sicuro che dopo si possa riprendere la discussione. Infatti, se il regista si ferma subito a dare indicazioni, allora le strigliate, per quanto feroci, avvengono sussurrate, più mimate e condite di occhiatacce che da vere e proprie esclamazioni vocali.

L’importante è che non arrivi nulla alle orecchie di Lombardi. Anche perché le scene che si girano sono di quelle lunghe, zeppe di dialoghi, sguardi carichi di significato e qualunque distrazione può rovinare il momento. Inoltre, sul set fa la sua comparsa il quattordicenne Emanuele Abbate. Nonostante sia giovanissimo mi sorprende per la bravura e dedizione che ci mette. Sembra una macchina da cinema. Nonostante tutti i ciak, ripete le battute con la stessa intensità, come fosse un attore consumato. Ascolta i consigli di Guido mettendoli in pratica non appena sente azione.



Tra turni fino alle due di notte, applausi di soddisfazione per un piano sequenza riuscito alla perfezione, gelosie dietro le quinte, i classici barili di responsabilità scaricati da un reparto all’altro, la settimana continua finché all’Anagrafe non arriva una scomoda nemica: l’influenza. L’ambiente piccolo e umido contribuisce al rapido contagio. Presto sul set iniziano a girare fazzoletti e starnuti. Gli attori ne restano indenni nonostante Salvatore Ruocco e Peppe Lanzetta trascorrano molto tempo in accappatoio per motivi di sceneggiatura. Per fortuna spesso si fermano nella piccola stanza dei costumi, calda e accogliente, insieme a Sasà Striano che sovente, tra un’inquadratura e l’altra, inganna il tempo al telefono.

A patire i sintomi influenzali, invece, sono Guido Lombardi e il suo aiuto Sergio Panariello. Stretto in un pesante giubbotto, con tanto di cappuccio a coprirgli il capo, Lombardi ha diretto gli ultimi due giorni in uno stato debilitante. Ma tra parole raffreddate e colpi di tosse è riuscito a chiudere le scene senza mai perdere la voglia o la passione. Dopotutto, basta guardarlo mentre osserva il piccolo monitor della macchina da presa, seguendo gli attori con smorfie del viso che ricalcano la loro recitazione per poi sorridere soddisfatto. Il sorriso di chi sa che anche le prossime settimane saranno dure ma piene di entusiasmo. (Giorgio Caruso, con le foto di Tiziana Mastropasqua)
 


10 commenti:

  1. quando leggo "foto Sasà" penso ad un film del neorealismo fatto oggi da Tarantino: sarà così? ciao michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'hai azzeccato abbastanza
      Guido

      Elimina
  2. Maica mi fai un cappellino come il tuo ? ciao, grazie, Anna

    RispondiElimina
  3. Maica complimenti per la stanza, e sei anche molto graziosa. continuate così che siete forti!
    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Giovanni, incrociamo le dita! Noi dal canto nostro ce la stiamo mettendo tutta!

      Elimina
  4. Bravi,tra tantedifficoltà farete un gran film.Fidatevi.Ruocco e Lanzetta immuni ahahah...keviso dolce ha Ruocco...bySara

    RispondiElimina
  5. veramente begli ambienti... e poi vedere il Maestro Lanzetta che quasi pontifica seduto sul WC è um momento surreale! Buon proseguimento! Maria ( non quella Nazionale, che ho sentito adesso a sanremo, bravissima)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, hai ragione, vedere il maestro troneggiare sul wc è un esperienza impagabile!

      Elimina
  6. Grazie a tutti, la passione e l'impegno portano avanti la troupe,ce la stiamo mettendo davvero tutta e sono felice che già adesso si apprezzino i risultati! seguiteci, abbiamo bisogno di voi per dare senso al nostro lavoro!

    RispondiElimina
  7. Fantastico Ruocco

    RispondiElimina